CERSAL

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Attività

Il Museo della Pergamena, del Libro e del documento d'Archivio

La ricchezza e la varietà del materiale presente presso il Centro di documentazione ha suggerito la creazione del "Museo della pergamena, del libro, del documento d’archivio" che intende esporre al pubblico, attraverso la storia dell’evoluzione del supporto scrittorio, delle modalità di stampa e di legatura  e della tipologia dei documenti, dieci secoli di eventi di Viterbo, della Tuscia, della cultura europea. La Mostra avrà una sezione didattica multimediale (destinata in particolare alle scuole e ai gruppi di visitatori) e una sezione espositiva che mostra alcune delle perle della collezione.


Le Mostre

In occasione delle manifestazioni che si svolgono a Viterbo annualmente per  le feste di s. Rosa e per S. Pellegrino in fiore sono state avviate Mostre di libri e di manoscritti  che presentavano al pubblico alcuni dei patrimoni documentari del Centro di documentazione. Altre occasioni di Mostre sono state le celebrazioni per il Centocinquant’anni dell’Unità d’Italia, per il Certamen viterbiense della Tuscia, per la Settimana della cultura.


Gli "Incontri a Palazzo papale"

Uno degli obiettivi sempre perseguito dal Centro di documentazione è stato quello di far conoscere al pubblico il patrimonio di pergamene, di libri, di carte d’archivio conservato e i lavori di ricerca che venivano condotti grazie a quelle testimonianze.  La documentazione raccolta  parla di tutta la storia del nostro territorio, sia sotto il profilo religioso che sotto quello culturale, economico, sociale, demografico, storico-artistico. E’ quindi un giacimento fondamentale per l’approfondimento delle conoscenze  che, in primo luogo, deve essere presentato nella sua ricchezza e nella varietà dei percorsi di ricerca che potrà consentire. Attraverso gli "Incontri a Palazzo papale", ora con cadenza quindicinale il venerdì pomeriggio, queste ricerche e questa documentazione viene presentata al pubblico perché tutti ne divengano consapevoli  e, in qualche modo, anche responsabili della conservazione e della valorizzazione di queste carte.


Torna ai contenuti | Torna al menu